Connect with us

Cittadini

Ius Soli: cos’è e cosa prevede

Ecco cos’è e cosa prevede lo ius soli.

Published

on

Nell’ultimo periodo si è parlato molto dello Ius Soli, ovvero un testo unificato di proposte di legge in materia di cittadinanza approvato nel mese di ottobre 2015. Questa proposta di legge accessibile a tutti nel sito web del governo, si presenta come un fascicoletto di ben 15. 923 pagine e presenta all’interno del testo moltissimi riferimenti a proposte di leggi precedenti, quindi si intuisce benissimo che questo fascicolo non sarà letto dalla maggior parte degli italiani anche per questione i tempo materiale.

Quindi noi della ” Politica Del Popolo”, che come intuite benissimo dal titolo vogliamo rendere la politica italiana accessibile a tutti i cittadini italiani, abbiamo pensato di spiegare semplicemente i cambiamenti ” più in vista” che questa proposta di legge apporta alle precedenti.
Innanzi tutto in parole povere il testo prevede l’estensione dei casi di acquisizione della cittadinanza per nascita (Ius Soli) e l’introduzione di una nuova forma d’acquisto della cittadinanza a seguito di un percorso scolastico (Ius Culturae). Da qui capiamo che la questione fondamentale è la tutela dell’acquisto della cittadinanza da parte dei minori. Ci teniamo a precisare che questo testo non è una nuova legge ma soltanto una modifica alla legge del 5 febbraio 1992 n° 91, due sono i punti principali:
-Ius Soli
-Ius Culturae

Lo Ius soli “puro”, se così possiamo definirlo, prevede che chi nasce nel territorio di un certo stato ottenga automaticamente la cittadinanza. Un esempio di ” Ius Soli puro” è presente negli Stati Uniti.


Tuttavia non ve ne sono all’interno della nostra Unione Europea. Un’altra tipologia di Ius Soli è quello “temperato”. Proprio questo modello fa parte della proposta presentata al senato. “La versione temperata” vuole che un bambino nato in territorio italiano acquisti automaticamente la cittadinanza se i genitori o almeno uno di essi si trova in Italia, legalmente da minimo cinque anni. Qualora il genitore, in possesso di regolare permesso di soggiorno, non provenga dall’Unione Europea, deve soddisfare altri tre parametri:


-egli deve avere un reddito non inferiore all’importo annuo dell’assegno sociale;
-deve disporre di un alloggio che risponda ai requisiti di idoneità previsti dalla legge;
-deve svolgere e superare un test riguardante la conoscenza della lingua italiana.
Il secondo punto presenta un’altra strada per acquisire la cittadinanza ed è rappresentata dallo ” Ius Culturae” e passa attraverso il sistema scolastico italiano.

Secondo questa proposta gli stranieri nati in Italia o arrivati entro i dodici anni che abbiano frequentato le scuole italiane per almeno cinque anni e superato un ciclo scolastico( elementari o medie), potranno fare domanda per ottenere la cittadinanza:


I ragazzi nati all’estero ma giunti nel nostro paese tra i dodici e i diciotto anni potranno ottenere anch’essi la cittadinanza italiana ma dopo aver risieduto nel nostro stato per almeno sei anni e aver sostenuto, e anche in questo caso, superato un ciclo scolastico. Nelle scorse settimane si sono alimentate diverse polemiche, mosse soprattutto dai partiti di destra, quali Fora Italia, Fratelli D’Italia e Lega Nord. Proprio il segretario della Lega, Matteo Salvini, si è pronunciato contro questa riforma. Egli sostiene che la cittadinanza non può essere regalata, come il diritto di voto d’altronde.
Il nostro pensiero, invece è completamente diverso da quello di Salvini.

Qui non si tratta di regalare niente a nessuno! Infatti i figli di molti stranieri presenti nel nostro Paese, che sono qui da svariati anni, sono ormai bambini, ragazzi, adolescenti che hanno assorbito la cultura italiana. Essi parlano in italiano, frequentano le nostre scuole, conoscono la storia di questo Paese e hanno ormai assorbito la mentalità italiana. Non gli manca nulla, a nostro modesto parere, per essere ritenuti ” Fratelli d’Italia”.
Fateci sapere se avete apprezzato la nostra analisi e il nostro parere, un saluto a voi tutti!

Fondatore e direttore del sito www.lapoliticadelpopolo.it Coltivo quotidianamente la mia passione per la politica, l'attualità e l'informazione, cercando di coinvolgere sempre più i giovani.

Continue Reading
Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Trending