Connect with us

Cittadini

La violenza che vuole opprimere i valori dell’uomo

Published

on

Cari amici,
nel corso della storia sono stati tentati diversi colpi di Stato come ad esempio quello accaduto in Cile nel 1973, quando il generale Pinochet riuscì ad installare il suo regime dittatoriale ai danni dell’ allora presidente Allende. Lo stesso Allende però preferisce opporsi a qualsiasi costo piuttosto di scendere a compromessi che andrebbero a deturpare la dignità dei principi, ai quali milioni di persone si sono aggrappati onorandoli e difendendoli.

Ma durante il corso dei secoli molte altre persone, per fortuna, hanno seguito questo esempio. Infatti più volte la violenza cerca di prevalere sulla giustizia provando anche a renderla schiava del potere che vuole installare. È importante quindi la presenza di figure che difendano la giustizia senza farsi influenzare o ricattare. Questo è un atto di coraggio, un gesto nobile che va a sottolineare l’amore di un uomo verso degli ideali, verso la patria, verso i suoi concittadini e connazionali.

Diverse personalità hanno sacrificato la propria vita per difendere, non solo la giustizia e degli ideali ma anche la democrazia, l’onestà e la dignità che rendono un uomo tale. Uno degli esempi più grandi é quello del giudice Giovanni Falcone che insieme a Paolo Borsellino, ha rappresentato l’aspetto dell’uomo che non ha paura, che non si scansa in cambio di qualcosa, che non scende quindi a nessun compromesso anche e soprattutto se ne va della propria vita. Egli infatti diceva ” Chi tace e piega la testa muore ogni volta che lo fa, chi parla e chi cammina a testa alta muore una sola volta”. Personalmente questa è una frase che da sempre ci ha colpiti per al sua profonda verità. Pure Padre Pino Puglisi, uomo di Dio, non ha ceduto alle intimidazioni al fine di aiutare e salvare i tanti ragazzi che venivano monopolizzati dalla mafia.

La violenza e il potere quindi non possono opprimere i valori dell’umanità e allo stesso tempo i diritti degli uomini. Una figura che nel Novecento ha sacrificato la propria vita per salvaguardare i diritti dei contadini in Sicilia e quella di Salvatore carnevale. Egli era un Socialista e difendeva anche la legalità. Di norma, a quel tempo, i contadini che seminavano il grano nei terreni non potevano pretendere nulla dei raccolti, che spettava invece ai coltivatori e gli uomini più potenti, di orientamento mafioso, se così possiamo dire.

Il sindacalista ricevette pressioni di ogni tipo. Tuttavia egli non cedette neppure al tentativo di corruzione e così venne ucciso da due sicari. Altra figura importante nel panorama italiano ma soprattutto in quello siciliano è quella del Presidente della regione Sicilia, Piersanti Mattarella, Il quale venne ucciso dalla mafia il giorno dell’epifania del 1980 a Palermo. Mattarella è stato un grande uomo è un’importante figura politica. Egli credeva di poter cambiare le regole con cui si amministrava la Sicilia. Queste regole soprattutto negli anni ’70 furono soggette a l’influenza di più famiglie malavitose che si distribuivano per tutta la regione. Mattarella in più cercò di fare chiarezza sugli appalti pubblici, dove tutto intorno si decidevano carriere politiche e il percorso di diversi ingenti quantità di denaro. Tutte queste cause firmarono la condanna a morte del governatore siciliano.

La giustizia, insieme a diversi valori, nasce insieme all’uomo e tramite essi ne produce altri. La democrazia ad esempio è dato dalla necessità dell’essere umano di avere una politica giusta è amministrata da tutti senza differenze di classe sociale e ceto. Come già detto, nella storia la stessa democrazia è stata soggetta ad alcuni attacchi, Ad alcuni tentativi di essere sostituita con un regime dittatoriale, da parte di uomini spietati pronti a distruggere principi, idee, valori e diritti. Riguardo ciò Karl Popper disse “Se la democrazia è distrutta, tutti i diritti sono distrutti”. Il comportamento e le parole pronunciate da Allende nel suo ultimo discorso fatto alla radio, sono quindi un tentativo affinché ciò non avvenga.

Proprio Allende insieme alle altre figure citate prima, come Falcone, ad esempio, ci insegna che è importante difendere i propri valori pure con la vita, perché anche se questa verrà spezzata, le loro azioni, i loro comportamenti e le loro parole che li hanno condotti via via alla morte, saranno ricordati per sempre. Inoltre con questi gesti forti essi si rendono immortali all’interno della storia e del ricordo di tutti gli uomini. Loro sono stati uccisi sì, la loro vita è stata interrotta ma ciò che hanno compiuto durante il corso degli anni rimarrà nelle memorie del mondo. Essi continueranno a vivere nella mente ma soprattutto nel cuore delle persone per le quali si sono sacrificate.

Fondatore e direttore del sito www.lapoliticadelpopolo.it Coltivo quotidianamente la mia passione per la politica, l'attualità e l'informazione, cercando di coinvolgere sempre più i giovani.

Continue Reading
Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Trending