Connect with us

Politica

Ecco chi è il nuovo ministro dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo Alberto Bonisoli

Alberto Bonisoli, scelto da Luigi Di Maio, sarà il nuovo ministro delle Attività Culturali e del Turismo.

Published

on

” Ho la consapevolezza che ho l’onere e l’onore di occuparmi di un patrimonio culturale,ambientale,artistico e storico unico al mondo. Questa è una sfida a cui mi accingo mettendo a disposizione quello che sono”

Con queste parole esordiva durante la presentazione dei ministri del Movimento 5 Stelle il dott. Alberto Bonisoli candidato per la poltrona di ministro dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo che oggi ha finalmente ottenuto dopo 87 giorni d’attesa. Ma chi è Alberto Bonisoli? Il direttore della NABA ( Nuova Accademia di Belle Arti Milano) il 14 febbraio si presentava con queste parole sul suo profilo facebook: “Mi chiamo Alberto Bonisoli, sono il Direttore della NABA – la Nuova Accademia di Belle Arti di Milano e sono il Presidente dell’Associazione delle Scuole di Moda Italiane. Sono Nato nel 1961, sono un baby-boomer, cresciuto nella bassa padana Mantova, Cremona. Sono laureato in Università Bocconi, sono rimasto a lavorare in SDA Bocconi per 15 anni dopo di che sono entrato in consulenza, ho lavorato per il Ministero, per l’Unione europea, sono andato a dirigere la Domus Academy e ultimamente dirigo dal 2012 la NABA.

Sono sposato, ho due figlie, due cani, mi piace viaggiare, ho sempre lavorato con una grandissima attenzione agli aspetti internazionali, mi piace il cibo, mi piacciono le discipline di cui mi occupo, l’arte, la moda e il design e soprattutto mi piace insegnare: questa è la vera passione della mia vita. Sono 30 anni che mi occupo di formazione: formazione professionale, università telematica dove ho lavorato per il Consorzio Nettuno, progetti internazionali, master, formazione in azienda.
Penso di avere una panoramica abbastanza ampia di quello che vuol dire il sistema educativo: un’istruzione che funziona, che mette insieme quelle che sono le capacità del pubblico con quelle che sono le potenzialità del privato. È la differenza tra un paese avanzato e un Paese in via di sviluppo.

“L’Italia deve avere l’ambizione di avere il migliore sistema educativo possibile e questa è una delle ragioni per cui ho deciso di mettere a disposizione le mie competenze. ”

Naturalmente il dott. Bonisoli ha già un preciso programma da seguire scritto nel contratto per il Governo del Cambiamento redatto da Lega e M5S. Gli obbiettivi fondamentali da raggiungere sono:
-Far tornare i musei,siti storici e archeologici italiani poli di attrazione e di interesse internazionale migliorando i servizi offerti ai visitatori
-una riforma del sistema di finanziamento che rimetta al centro la qualità dei progetti artistici

Inoltre un altro obbiettivo anche se non scritto nel contratto è una riforma dell’AFAM (Alta Formazione Artistica e Musicale) , che raggruppa le Scuole di discipline creative, quali l’arte, la musica, la moda, il design, riconosciute dal MIUR. Purtroppo da molti anni si attendono le norme che dovrebbero regolare il settore: quanta autonomia dare alle singole Istituzioni, come governare e gestire le Scuole statali, quali standard debbano rispettare le Scuole private. Si tratta di piccoli dettagli normativi, che non costano nulla, ma senza i quali le Accademie, i Conservatori, le Scuole di Moda e Design non riescono a funzionare come potrebbero.

L’ex assessore dei beni culturali della Sicilia, il deputato Vittorio Sgarbi riguardo la NABA aveva detto:” L’Italia è fatta di grande accademie storiche dove ci sono stati i più grandi artisti italiani dall’ottocento in avanti. Canova è stato il riferimento alto di un accademia quella di Milano e quella di Brera. C’è un’accademia del buco del culo la NABA di Milano con Alberto Bonisoli sconosciuto a tutti”. A differenza del dep. Sgarbi noi vogliamo essere ottimisti per il futuro della nostra Italia, per il futuro “del nostro patrimonio Italiano che rappresenta uno degli aspetti che più ci identificano nel mondo.” Per questo auguriamo buon lavoro al dott. Bonisoli e speriamo che sia finalmente giunto il momento di una valorizzazione completa del patrimonio culturale italiano, da Nord al Sud soprattutto.

Direttore e fondatore del sito, scrivo per dare voce a chi non la può fare arrivare lontano. Viaggio ma di confini non ne ho mai visto uno, credo che esistano solamente nella mente di alcune persone.

Continue Reading
Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Trending