Connect with us

Published

on

Nella giornata di ieri si sono svolte le primarie del Partito Democratico, le quali hanno visto trionfare il Presidente della regione Lazio, Nicola Zingaretti, che ha sbaragliato la concorrenza ottenendo più del 69% delle preferenze. Gli altri due candidati, Maurizio Martina e Roberto Giacchetti, si sono divisi i restanti voti, con il primo che ha ottenuto qualche consenso in più.
Alta l’ affluenza, circa un milione e mezzo di votanti. Lo stesso presidente della Commissione congresso, Gianni Dal Moro, ha affermato che “tale affluenza è stata omogenea in tutto il territorio nazionale, senza sacche di difficoltà e con un leggero picco al centro-sud, in particolare nel Lazio e in Campania”.
Nel discorso che ieri ha fatto dopo la “lieta notizia” Zingaretti ha annunciato come la sua prima mossa da Segretario sarà simbolica e importante: andrà a visitare i cantieri della Tav il prima possibile. Il Presidente della regione Lazio ha voluto incorniciare questo suo trionfo con parole importanti, le prime da Segretario del PD, ammettendo la soddisfazione di avviare un progetto di “rinascita” che già ha avuto inizio con le stesse elezioni:
“Questa è l’Italia che non si piega. Abbiamo superato gli elettori delle ultime primarie e smentito anche tutti i commentatori che davano la partecipazione sotto al milione di persone. Ora cambierò tutto e volteremo pagina. Voglio un campo largo in cui non sarò il capo ma il portatore di tante istanze”.

Il neo Segretario poi punta a ribadire i caratteri tipici della sinistra che tutto sommato, strada facendo, ha tralasciato qualcosa e purtroppo anche qualcuno. E soprattutto sui disoccupati e sui 5 milioni di poveri in Italia, attenzionando in particolare i giovani, Zingaretti afferma “essi non devono essere mortificati ma devono costituire un’alternativa, dovranno essere i protagonisti del domani”.

I consensi che lo hanno visto vincere queste primarie provengono in modo massiccio da tutta il Paese. Infatti da ogni zona della penisola sono arrivate preferenze sempre superiori al 50%. Al nord e al Centro Zingaretti ha guadagnato rispettivamente il 68,15% e il 66,53% mentre al Sud, dove negli scorsi giorni si sono alimentate diverse polemiche per quanto riguarda i seggi, ha ottenuto il 59,43%.

Proprio in una delle sue tappe siciliane, in particolare quella di giorno 11 febbraio a Siracusa, organizzata magistralmente dal comitato “Piazza Grande”, la nostra redazione ha avuto modo di incontrare Nicola Zingaretti. Ringraziamo per la possibilità dataci il comitato Piazza Grande di Siracusa, Angelo Greco, Glenda Raiti, il collaboratore di Nicola Zingaretti, Luca Fantini e lo stesso Nicola Zingaretti che da oggi chiameremo Segretario.

Fondatore e direttore del sito www.lapoliticadelpopolo.it Coltivo quotidianamente la mia passione per la politica, l'attualità e l'informazione, cercando di coinvolgere sempre più i giovani.

Trending