Connect with us

Politica

Conte invita ad una “Leale Collaborazione” oppure rimette il mandato

Il discorso di Conte si colloca in uno scenario molto difficile che sta attraversando l’esecutivo. Infatti il governo appena uscito dalle elezioni europee ha assistito alla vittoria della Lega di Salvini.

Published

on

Cari amici,
oggi il Presidente del Consiglio Giuseppe Conte, a mercati chiusi, ha tenuto a palazzo Chigi una conferenza stampa in cui si rivolgeva direttamente agli Italiani e anche ai due Vicepremier. Il discorso di Conte si colloca in uno scenario molto difficile che sta attraversando l’esecutivo. Infatti il governo appena uscito dalle elezioni europee ha assistito alla vittoria della Lega di Salvini. In questo momento vediamo: da una parte il ministro dell’Interno che forte del risultato ottenuto domenica scorsa, rivendica le sue misure come priorità del governo, dall’altra parte Luigi Di Maio, riconfermato come capo politico del Movimento 5 stelle, che uscito sconfitto dalle elezioni cerca di riorganizzare il suo partito e di rivendicare il suo posto “indispensabile” nel governo dando luogo a quasi un “botta e risposta virtuale” a Salvini. A fare da sfondo la lettera che la commissione Ue ha inviato all’Italia, la risposta del ministro Tria, e il suo sforzo( insieme a quello del premier) di evitare le procedura d’Infrazione per l’Italia. All’inizio del suo discorso Conte ricorda l’investitura del governo, avvenuta il 3 giugno scorso. Poi fa una breve sintesi delle misure fatte dal Governo del cambiamento e quelle a cui sta lavorando personalmente come:potenziare la  ricerca, rafforzare il sistema scolastico e universitario, un piano straordinario per valorizzare il turismo…
Subito dopo inizia a riferirsi ai due vicepremier e in particolare al ministro Matteo Salvini:

“Alcune delle iniziative a cui stiamo lavorando da tempo che richiedono visione, coraggio, tempo. Impongono di uscire dagli schemi limitati delle campagne elettorali, dai proclami lanciati a mezzo stampa per abbracciare prospettiva di una programmazione strategica e lungimirante. Siamo chiamati a disegnare il futuro del Paese che è una cosa un po’ diversa dal soddisfare gli umori della piazza infotelematica, dal collezionare like nella moderna agorà digitale.”

E continua enunciando il principio di  “Leale collaborazione: tra le forze politiche, tra i parlamentari che compongono la maggioranza.” Questo principio “significa tante cose: che se facciamo una riunione politica e prendiamo una decisione poi non dobbiamo cambiarla in modo arbitrario, che se sopravviene un ripensamento dobbiamo informare di questo i colleghi di governo e chiedere una nuova riunione, che ciascun ministro si concentra sulla propria materia di competenza senza prevaricare e invadere sfere che non li competono onde evitare delegittimazioni e sovrapposizioni suscettibili di compromettere in prospettiva la credibilità dell’intero esecutivo, che se il ministro dell’economia e il presidente del consiglio stanno interloquendo con le istituzioni europee per perseguire un obbiettivo fondamentale, quello di evitare una procedura d’inflazione, le due forze politiche non intervengono ad alterare questa delicata interlocuzione riducendola ad ulteriore terreno di provocazione e di rivendicazioni polemiche”.

  Alla fine del suo discorso lancia quasi un ultimatum ai due vicepremier: continuare senza ulteriori liti l’esperienza del governo oppure andare al voto. Questo discorso tenuto da Conte dinnanzi le telecamere in genere è il classico discorso che si fa alle camere per chiedere la fiducia. Secondo noi il premier Conte non volendo correre questo rischio, ha invece preferito appellarsi agli italiani. Un ulteriore elemento che va sottolineato è l’atteggiamento del Presidente del Consiglio di “distaccarsi” dal Movimento 5 Stelle, come da lui ribadito durante le domande che gli vengono poste dai vari giornalisti presenti. Con questo suo atteggiamento il premier vuole forse ribadire la sua imparzialità al ministro Salvini. Se facciamo caso all’intero discorso possiamo notare come vi siamo più riferimenti alla Lega che ai 5 stelle, perché non dimentichiamoci che “la struttura” che circonda Conte è grillina, a iniziare da Rocco Casalino che coordina l’ufficio stampa del Premier. Non tardano ad arrivare le risposte dei due vicepremier:
“L’Italia dei Sì è la strada giusta.
Flat Tax e taglio delle tasse, riforma della giustizia, Decreto Sicurezza Bis, autonomia regionale, rilancio degli investimenti, revisione dei vincoli europei e superamento dell’austerità e della precarietà, apertura di tutti i cantieri fermi: noi siamo pronti, vogliamo andare avanti e non abbiamo tempo da perdere, la Lega c’è.”
                                                                                                        Matteo Salvini
“Noi siamo leali, vogliamo metterci subito al lavoro e crediamo che i fatti siano la migliore risposta in questo momento. Da domani stesso serve subito un vertice di governo in cui vogliamo discutere insieme: – la revisione dei vincoli europei per abbassare finalmente le tasse agli italiani anche con la Flat Tax;
– il salario minimo orario per i lavoratori italiani;
– il provvedimento sugli aiuti alle famiglie che fanno figli.
Ci sono due cose importanti dal punto di vista umano: chiedo finiscano gli attacchi ai ministri del MoVimento 5 Stelle, rispettando il lavoro di ognuno e, siccome nel contratto c’è ancora tantissimo da fare, non è certamente il momento per proporre temi divisivi mai condivisi fuori dal contratto.”
                                                                                                                         Luigi Di Maio
Insomma per ora il governo non cadrà anche perché, francamente, non converrebbe a nessuno.
                                                                                                                                            Paolo

Direttore e fondatore del sito, scrivo per dare voce a chi non la può fare arrivare lontano. Viaggio ma di confini non ne ho mai visto uno, credo che esistano solamente nella mente di alcune persone.

Continue Reading
Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Trending