Connect with us

Week News

Week News 011, 7 Marzo 2020

Ogni giorno nuove notizie, senza perdere la speranza nella scienza e nel futuro. La mia visione sull’Italia, Campania ed Ercolano dell’ultima settimana.

Published

on

Buon sabato amiche ed amici,

le nostre città sono vuote, il senso di vuoto attorno a noi c’è e siamo perennemente bombardati da notizie dei tg e del web per l’argomento Covid-19.Abbiamo tutti paura, l’umana sensazione di impotenza davanti ad un fenomeno che non conosciamo ci spiazza, ma non sarà questa paura a mettere in crisi la nostra voglia di vivere e costruire un futuro migliore.
Giovedì sera le parole del Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, hanno rafforzato in ognuno di noi l’orgoglio di essere italiano, di chi non si arrende a questa pandemia mediatica più che sanitaria.

Si parla ormai da 21 giorni soltanto di coronavirus, si parla soltanto di numero contagiati e mai del numero dei guariti, che giorno dopo giorno per fortuna aumenta in tutto il mondo ed anche in Italia.Per questo vi invito a guardare il divertente video pubblicato su Instagram da Fabio Balsamo dei the Jackal, ma anche a leggere l’interessante articolo di Stefania Ruggiu.

La salute è il bene più prezioso, la salute mentale e la speranza verso il futuro anche.
Un appello ai media: non toglieteci anche la possibilità di sognare, pensare ad un Paese diverso di quello di queste ore di emergenza sopratutto nelle regioni del nord Italia. Dobbiamo ritornare ad essere un Paese tollerante!

Questa situazione che stiamo vivendo mi ha fatto ricordare una frase di Jacques Derrida:“La tolleranza è sempre la “ragione del più forte”, è un segno della sovranità; è il buon viso della sovranità che, dalla sua altezza, fa capire all’altro: non sei insopportabile, ti lascio un posticino a casa mia”.

L’Italia che ha paura, l’Italia che ha scelto prima la paura economica e poi quella sociale verso l’immigrato,
oggi questa stessa Italia dovrà fare i conti con la sua rinnovata voglia di tolleranza perché, stavolta, i discriminati siamo noi.

Allora, cosa pensare per il futuro? L’Italia si può rialzare soltanto con un piano di investimenti per le imprese, con il lavoro giusto (quello che non mortifica il lavoratore), con la possibilità per ogni cittadino di non sentirsi solo. E, fidatevi, non bastano elencare cifre o coperture. Al momento si parla di 7,5 miliardi di euro, ma qui c’è bisogno di un nuovo modo di concepire i rapporti umani e personali. E, così come l’Unione Europea deve reagire a quello che accade sul confine Greco-Turco con la tragedia umanitaria imponendo l’umanità verso quei disperati, allo stesso modo deve aiutare l’Italia su quelli che saranno i contraccolpi economici oltre che sanitari del nostro Paese.
Insomma, c’è la necessità di un nuovo umanesimo, dire all’altro “io ci sono”, dire al cittadino “io mi prendo cura di te”.

Emblematico è il caso degli insegnamenti a distanza, perché non si mette in atto un vero programma di lezioni online basate su studi pedagogici che potrebbe permettere di non far perdere tutte queste ore di studio agli studenti.Non pensare che queste siano un surrogato della lezione frontale, ma un nuovo metodo di apprendimento per questa situazione di emergenza educativa.Soltanto così, pensando a chi sta vivendo questo disagio con maggior intensità, possiamo culturalmente battere l’eterno slogan e l’eterno sciacallaggio di alcuni partiti politici.

Come sempre, Lega (Nord) attraverso il suo segretario, su El Paìs, critica l’operato di un governo che sul fronte sanitario sta chiedendo l’aiuto anche alle opposizioni per creare un clima disteso nel nostro Belpaese.
Quando si dice “opposizione distruttiva” perché i primi a subire conseguenze da queste dichiarazioni sciagurate sono albergatori e l’intero settore turistico italiano che vedono annullare migliaia di prenotazioni ogni giorno di più.

A proposito di segretario, in queste ore la notizia flash più chiacchierata è la positività al Covid-19 di Nicola Zingaretti a cui diamo tutti il nostro augurio di pronta guarigione.
Forza Nicola!

La situazione in Campania e ad Ercolano non è critica, ma sicuramente è seria.

La rassegna quotidiana del presidente De Luca sui vari social riesce a tranquillizzare la popolazione nonostante il fisiologico aumentare dei casi, di poche ore fa un ennesimo video dove il governatore chiede responsabilità ai giovani e ai locali notturni per evitare situazioni di contagio evitabili.

Noi cittadini dobbiamo mettere tutto l’impegno possibile per far sì che questo virus si fermi. Oltre alle norme minime di igiene, ormai tutti hanno l’abitudine di utilizzare sostanze alcoliche per sanificare ambienti e, ovviamente, le mani.
Questo non basta, restiamo di più in casa e dedichiamoci ad una buona lettura o ad uno svago che non metta in pericolo noi stessi e i nostri cari.
Ad Ercolano, questa settimana aspettavamo due eventi: la presentazione del libro del Senatore Davide Faraone e finalmente la presentazione della prima coalizione che sfiderà l’attuale amministrazione.
Eventi entrambi rinviati per le disposizioni del decreto del consiglio dei ministri del 5 Marzo. Insomma tutto è rinviato!

Per fortuna nella mia zona non si è registrato nessun contagiato, così come confermato dal sindaco Ciro Buonajuto (video di ieri sera), ma i riflessi di questo virus li viviamo sul flusso turistico.
Il parco archeologico sta vivendo un calo del 70 %, ma sono convinto che con i primi caldi torneremo felicemente invasi da turisti che vorranno visitare i nostri patrimoni UNESCO, quali gli Scavi e il Parco Nazionale del Vesuvio.Ercolano ha trascorso momenti difficili, ma siamo sempre riusciti a rinascere dalle ceneri delle peggiori tragedie umane e naturali. Nel nostro DNA c’è il sacrificio, c’è l’astuzia di chi con poco riesce a fare tanto. Ercolano è bellissima, e quando questa emergenza Covid-19 passerà vi invito a visitarla perché è un posto fantastico.

Tazzina di caffè: Viste le misure adottate che limitano e impediscono attività, raduni e manifestazioni, tutti noi in questi giorni avremo sicuramente un po’ di tempo in più. Dedichiamo dunque almeno 10 minuti al giorno per chiamare una nonna, un nonno o semplicemente una persona cara che in questi giorni è sola e costretta a restare in casa per evitare il contagio. Riscopriamo la semplicità di un gesto come la telefonata per far sentire il nostro calore umano al prossimo. Vi annuncio che durante il weekend farò la maratona serie tv di Zero Zero Zero di Roberto Saviano.

Ps. La settimana prossima pubblicherò una week news in più, dove approfondirò il tema del Referendum Costituzionale sul taglio parlamentari. Affiancherò anche un ulteriore argomento, ma non posso svelarvi tutto ora, lo scoprirete soltanto leggendo.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

P.Avvocato lavoro presso Eni Gas e Luce s.p.a. 27 Anni. Vivo ad Ercolano (NA). - Sono Consigliere del Forum dei Giovani di Ercolano con delega al Forum della Città Metropolitana di Napoli. - Coordinatore del Comitato Territoriale di Italia Viva Ercolano. - Capo Allenatore per la Prima Divisione dello S.C. Ercolano. Mi piace scrivere di politica, cultura, sport e sono un grande tifoso del Napoli.

Trending