Se non possiamo toccarci, perlomeno possiamo ascoltarci

In questi giorni di reclusione forzata tante persone LGBTQ+ sentono ancora più fortemente il peso dell’omofobia che li circonda.