Connect with us

Cultura

Fake News al tempo del coronavirus: come non cascarci?

Come si fa a distinguere una notizia vera da una fake news? Ecco tre semplici passaggi che sicuramente vi aiuteranno a trovare notizie attendibili

Published

on

di Matteo Migliore

Anche “al tempo del coronavirus” le fake news continuano a circolare. Le bufale che ogni giorno leggiamo non costituiscono una mandria disordinata, un insieme casuale di false notizie, di dicerie che si sviluppano spontaneamente. Molte di queste, direi la maggior parte, sono volte a fornire una rappresentazione, al suo interno coerente anche se poco veritiera, della realtà italiana. Una tale rappresentazione è funzionale a spingere l’opinione pubblica in una certa direzione politica. Lungi da me l’idea di suggerire l’esistenza di un’unica regia dietro a questa rappresentazione. Peccherei anch’io di complottismo e dietrologia.

Ma, di fatto, tante delle bufale di cui parliamo ogni giorno mantengono un elevato grado di coerenza di visione politica. Le bufale politiche sono come tasselli di un gigantesco puzzle che contiene una “narrativa”, una “storia” semplice e potente che può essere usata per convincere l’opinione pubblica della necessità di rigettare certi valori e muoversi verso una diversa direzione politica, una direzione che sembra nuova ma che in realtà finirebbe per replicare quelle già esistenti.

La potenza di queste narrative e di una propaganda che le utilizza a fini politici non deve essere sottovalutata. Ma come ci possiamo salvare dalle bufale/fake news? Non è facile. Vorrei potervi dare dei consigli utili, anzi dei rimedi infallibili contro le bufale, ma tanto sarebbe un’illusione. Il rischio di cadere preda di bufale di vario genere resterebbe comunque elevato. Ciò detto, mi limito ad alcune osservazioni.

Primo, non fidatevi di notizie e prese di posizioni che sono miste a insulti, commenti ironici e altri attacchi personali. Se una notizia è vera, se un punto di vista è valido, dovrebbe poter essere comunicato in modo oggettivo e senza tanti fronzoli. Allo stesso modo, prendete con le pinze tesi che sembrano estreme, tesi presentante sena incertezza alcuna. In politica, così come in economia, ci sono poche certezze e, spesso, la verità, o quanto più si avvicina alla verità, sta nel mezzo.

Secondo, cercate di informarvi dai fonti il più possibile neutrali su chi è l’autore della notizia. Immagino che anche voi, quando comprate un libro, andiate a leggere la quarta di copertina per saperne di più sull’autore. Ecco, occorrerebbe fare così anche per le notizie e le interpretazioni che si trovano in rete o che vengono disseminate dai media tradizionali. Purtroppo, per qualche motivo misterioso, quello che ci viene trasmesso attraverso uno schermo ci appare come degno di attenzione, come necessariamente “vero”.

Ma non è così. Dietro allo schermo ci sono persone che preparano video, scattano foto, scrivono messaggi, e occorre cercare di capire se quelle persone che vi danno informazioni sono preparate e valide. Questo è diventato particolarmente importate in un’era in cui ognuno di noi può far circolare in rete qualunque sciocchezza, che può apparire più professionale perché diffusa mediante appropriate tecniche di comunicazione e che finisce per essere più efficace perché rivolta alla pancia.

Terzo ed ultimo consiglio, e questa è la cosa più difficile, cercate di verificare quello che vi viene detto. Non si tratta solo di andare a controllare i fatti. Come abbiamo visto, i dati non parlano da soli. Occorre interpretarli, il che spesso non è facile perché richiede la conoscenza di complesse tecniche di analisi statistica. Cercate allora almeno di consultare diverse fonti, di vagliare pareri di diversa provenienza.

E passate un po’ di tempo a riflettere su quello che avete letto. Mi rendo conto che questo sia il compito più difficile, nella frenesia delle nostre vite, perché richiede tempo, attenzione e impegno. Ma capire come funziona il mondo è qualcosa di essenziale se vogliamo davvero essere liberi di decidere per il nostro futuro.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Trending