Connect with us

Mondo

Il dottor Munyangi pensa d’aver trovato una cura

Gira da molte settimana la notizia che un certo dottore sia riuscito a trovare una cura naturale. A che cosa? Al Covid, ovvio.

Published

on

di Abril K. Muvumbi

Lunedì, il presidente del Madagascar Andry Rajoelina ha presentato un rimedio a base di erbe che afferma abbia mostrato risultati incoraggianti nella lotta contro il Coronavirus. Ha revocato il blocco in tre città principali del paese, aggiungendo che un “rimedio” malgascio per la malattia è stato testato con successo. Secondo l’Istituto Malgascio di Ricerca Applicata, l’ingrediente principale nella miscela è derivato dall’Artemisia, una pianta a foglia verde che emette un odore sorprendente conosciuto anche come dolce assenzio.
Ora, è importante evidenziare che nessun farmaco o fitoterapia è stato certificato come cura per il COVID-19. In effetti l’Organizzazione Mondiale della Sanità ha affermato che i cibi come limone, miele e zenzero, sono buoni solo per la salute generale ma senza comprovata capacità di curare il Coronavirus.

Chi c’è dietro a questa cura

Il “rimedio” malgascio contro il Covid-19 è chiaramente prodotto localmente, ma il suo protocollo è stato trovato e scritto dal dottor Jérôme Munyangi, un ricercatore congolese. Lo scienziato congolese ha battezzato il protocollo “Covid-Artemisia” e che ha permesso lo sviluppo di Covid-Organics, ha rivelato in un’intervista. Il suo nome è tornato alla ribalta dalla conversazione di Félix Tshisekedi, presidente della Repubblica Democratica del Congo, con la sua controparte malgascia il 22 aprile. Il presidente congolese ha già avviato la procedura per il ritorno del Dr. Munyangi.

Jerome Munyangi

Il dottor Jérôme Munyangi si è laureato in Medicina all’Università di Kinshasa. Successivamente ha conseguito un Master all’ Università di Parigi Diderot e un altro all’ Università di Ottawa. Nel 2011 l’ Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) lo assume come ricercatore sulle malattie tropicali poco studiate. Lavora da 6 anni a un trattamento vegetale alternativo contro la malaria nella Repubblica Democratica del Congo. Il Congo è il terzo Paese africano più colpito dopo Nigeria e Mozambico. La sua ricerca dimostra l’efficacia del trattamento a base di Artemisia, una pianta con la quale i cinesi si curano da oltre 2000 anni. Ma i suoi studi non sono ancora riconosciuti.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Trending