Connect with us

Cultura

Gioielleria Dogale a Venezia: preziose creazioni dal 1969

Giorgio Berto nel 1969 apre a Venezia la sua Oreficeria Dogale.
Tradizione orafa che ancora oggi porta avanti con i figli Alessandro e Ursula nel loro negozio dietro Palazzo Ducale e il Ponte dei Sospiri.

Published

on

Venezia viene spesso collegata ad arte, musica, cinema e storia. Numerose sono anche le botteghe e i negozi che ne raccontano le origini e le tradizioni. Nel cuore della città, dietro Palazzo Ducale e il Ponte dei Sospiri, nel 1969 Giorgio Berto dopo anni di lavoro ed esperienza nel settore decide di aprire la sua Gioielleria Dogale che ancora oggi crea per la clientela meravigliose opere di arte orafa, tradizione e lavoro che oggi porta avanti insieme ai figli Alessandro e Ursula.

Orecchini, anelli, spille, ciondoli con i classici “Moretti” fanno di questa gioielleria il suo tratto distintivo. Gioielli simbolo della città, composti da teste in ebano con turbanti decorati e pietre preziose che vengono declinati in svariate versioni uniche e irripetibili. I mori hanno un forte valore simbolico per la città in quanto rappresentanti della vittoria dei Dogi di Venezia sui pirati invasori turchi.

Negli anni i veneziani hanno dato molteplici interpretazioni al gioiello e gli artigiani hanno creato così varie versioni: attraverso la potenza del calore del forno ed un’antica tecnica per colorarli se ne creano infinite combinazioni.

Spesso i gioielli “Moretto” sono stati anche criticati e accusati di essere creazioni “razziste”, ma é sufficiente approfondire la storia per capire la loro origine e smentire le false voci.

Nell’anno 960 d.c. il Doge Pietro IV° Candiano vietò il commercio di schiavi a Venezia, prima al mondo ad abolire questo assurdo traffico praticato prima dagli Islamici. Tutti gli schiavi che arrivavano a Venezia venivano liberati e se desideravano potevano lavorare per i nobili veneziani ed erano pagati con un salario mensile che doveva servire a sostenere le loro famiglie.


Le famiglie nobili inoltre fornivano i pasti due volte al giorno a tutta la servitù anche quando gran parte della popolazione veneziana si poteva permettere un solo pasto al giorno.
Inoltre, su richiesta dei nobili all’interno della famiglia dei servitori, veniva scelto un figlio od una figlia a cui si provvedeva a dare istruzione in modo che sapesse “leggere e scrivere”.
Venezia era l’unico Stato democratico al Mondo che ridava la libertà agli essere umani diventati schiavi.

Da questo nacquero molte famiglie che hanno “Moro” come cognome e che sono diventate parte integrante della cittadinanza veneziana.
In una democratica Repubblica, chiunque possedesse valore umano e di capacità aveva l’opportunità di esprimere se stesso, godendo degli stessi diritti di tutti gli altri.

La Gioielleria Dogale vanta clienti affezionatissimi che amano le sue creazioni e le indossano in giro per il mondo, una tra queste Denise Bradley Wilson, amica dell’ex Presidente Obama e nominata come una tra le 100 done più influenti degli USA.

Come lei, anche molti altri clienti si recano in negozio per acquistare questi preziosi gioielli artigianali e di nicchia che continuano a essere ambito oggetto di collezionismo.

Ricordiamo tra questi anche la contessa Marta Marzotto che si fece realizzare orecchini Moretto in scala gigante per stupire il pubblico televisivo, Dodie Rosekrans gran dama di NY e
Robert De Balkany, ex re dei centri commerciali e finanziere che aveva una vera passione
per le spille di moro e impazziva per i pendenti cavalli di S. Marco.

La storia narra che sono anche molti altri i personaggi che hanno apprezzato o apprezzano i Moretti: Grace Kelly, Barbara Hutton, Ernest Hemingway, Arthur Rubenstein, Elton John, Liz Taylor.

La Gioielleria Dogale si contraddistingue per la raffinata qualità delle sue creazioni e per la sua storia che la portano a essere una delle gioiellerie più prestigiose di Venezia. Se si desidera scoprire un pezzo di storia di arte orafa veneziana e si è di passaggio in città, merita la visita.I gioielli Dogale sono arte, storia e artigianalità moderna. Gioielli di nicchia per una clientela che apprezza la qualità.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Nata a Bologna il 10/06/1990. Laureata in Lingue e Letterature Straniere Moderne all’Universitá di Bologna. Appassionata di musica, cinema, danza, teatro, arte e sostenitrice della cultura in generale come valore aggiunto.

Continue Reading
Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Trending