Connect with us

Sport

È tempo di fantacalcio

Almeno una volta abbiamo sicuramente sentito parlare di fantacalcio e della sua famosa asta. Ma sappiamo veramente cos’è e come funziona?

Published

on

Si avvicina sempre di più l’inizio del campionato di Serie A, la prima giornata si giocherà sabato 19 settembre. Manca sempre meno alla nuova stagione e allo stesso tempo il calciomercato sta vivendo il suo periodo da protagonista assoluto. Nuove maglie sono state assegnate grazie ai recenti acquisti dei club, dando sempre di più forma alle nuove rose della stagione 2020/2021.

Per i fantallenatori, così sono definiti i giocatori del fantacalcio, questo è il periodo giusto per scegliere quali giocatori faranno parte della propria squadra, in attesa della famosissima asta del fantacalcio, rigorosamente fatta assieme ai propri amici.

I fantallenatori seguono 24 ore su 24 alle news di calciomercato, traendo informazioni e aggiornamenti in tempo reale da quotidiani sportivi, telegiornali e app specifiche.

Cos’è il fantacalcio?

Lega Serie A, svolta storica: ok ai fondi di private equity
Fonte: Fantacalcio.it

Il fantacalcio è un gioco a punti basato sul mondo calcistico che appassiona sempre più amanti del gioco del pallone. Nel fantacalcio ognuno dei giocatori che partecipa al gruppo di gioco, è definito fantallenatore, il quale si immedesima nel ruolo di allenatore di calcio, perché deve comporre una “squadra immaginaria”, composta, da 25 calciatori scelti dalle 20 squadre di Serie A, seguendo un’asta che avviene tra un gruppo di amici. Lo scopo del gioco è di fare più punti degli altri partecipanti al termine del campionato.

Come è nato il fantacalcio?

Riccardo Albini

Il fantacalcio è stato inventato dal giornalista italiano Riccardo Albini, che nel 1985 aveva partecipato ad una fiera videoludica di Chicago. In quell’evento scoprì le regole dei fantasy game statunitensi, dai quali ha tratto ispirazione per applicare le stese regole gioco che si ispira al campionato italiano di calcio, la Serie A.

La prima storica asta di fantacalcio prese luogo in un bar di Milano nel giugno del 1988, a cui parteciparono lo stesso Albini e sette suoi amici. Due anni dopo fu pubblicato un libro sulle regole del nuovo gioco. Furono stampate 10mila copie, ma solo un quarto ne furono vendute. Il lato positivo è che da quell’anno già 15mila persone divennero fantallenatori. Successivamente venne scritta la versione del regolamento definitivo del gioco.

Nell’estate 1994 il quotidiano sportivo La Gazzetta dello Sport iniziò a dedicare spazi al gioco del fantacalcio, riservando pagine dedicate, con votazioni dei calciatori, al fine di calcolare i punteggi delle fantasquadre. Nel corso dello stesso anno ci furono 70mila giocatori, che, inzialmente, secondo le stime, sarebbero dovuti essere solo 10mila. Da allora il fantacalcio è diventato tra gli appassionati di calcio, un fenomeno di massa. Secondo le stime, ci sono 6 milioni di fantallenatori italiani che si dilettano in questo avvincente gioco.

Come si gioca al fantacalcio?

Fantacalcio, come fare l'asta perfetta con 300 milioni: i consigli | Sky  Sport
Fonte: Sky Sport

Al fantacalcio solitamente si gioca con un gruppo di amici, il numero ideale di partecipanti è di 8 o 10, i quali per impostare e seguire tutte le fasi del gioco, si registrano in uno dei portali web e in una app di fantacalcio, tra i più utilizzati, Fantacalcio.it e FantaMaster.it. In seguito alla registrazione, il gruppo di fantallenatori viene identificato in una propria lega, così è definito il gruppo di gioco.  

Successivamente alla registrazione e alla creazione della propria lega e prima dell’inizio di campionato di Serie A, si svolgerà la famosa asta del fantacalcio, un momento speciale ed emozionante per tutti i fantallenatori. Per ogni fantallenatore, l’asta ha lo scopo di comporre la propria rosa formata da 25 calciatori appartenenti alle squadre di Serie A, suddivisi in quattro categorie: portieri, difensori, centrocampisti e attaccanti.

Ogni fantallenatore avrà a disposizione un budget determinato dal gruppo di gioco, di solito formato da 500 o 1000 fantamilioni, cifra necessaria per ingaggiare i calciatori da lui preferiti. Solitamente secondo le regole del gioco, i portieri devono essere 3, i difensori e i centrocampisti 8 e gli attaccanti 6, tuttavia le ripartizioni possono essere anche modificate.

Dopo l’asta la rosa dei giocatori scelti sarà uguale per tutto l’arco della durata del campionato. Gli unici cambiamenti che ogni fantallenatore potrà apportare nella propria squadra potranno essere possibili nell’asta di riparazione, che si potrà fare dopo la fine del calciomercato invernale, che quest’anno si svolgerà dal 4 gennaio all’1 febbraio 2021.

Per vincere al fantacalcio, bisogna fare più punti degli avversari. I punti si guadagnano con la somma dei voti degli 11 giocatori scelti prima dell’inizio di ogni giornata di campionato. Per scegliere i propri giocatori il fantallenatore inserisce la formazione, aggiungendo anche 7 riserve in panchina, che subentreranno nel caso in cui alcuni giocatori titolari non dovessero giocare. Alla fine di ogni giornata i voti vengono assegnati tramite le pagelle, dai maggiori quotidiani sportivi, soprattutto La Gazzetta dello Sport.

Ai voti ottenuti dalle pagelle dei calciatori si sommano i bonus e i malus, che sono punti che aumentano o abbassano i voti nel fantacalcio. Per esempio quando un giocatore segna un gol, gli viene assegnato il voto 8 dai quotidiani sportivi, mentre nel fantacalcio il voto sarà in questo caso condizionato da un bonus: il gol che nel gioco ha valore +3 punti sarà sommato ad ulteriori 8 punti riconosciuti dalla Gazzetta dello Sport arrivando ad un totale di 11 punti.

Ecco i possibili bonus e malus:

  • +3 punti per ogni gol segnato
  • +3 punti per ogni rigore parato dal portiere
  • +2 punti per ogni rigore segnato
  • +1 punto per ogni assist effettuato
  • +1 punto per ogni gol vittoria
  • +1 punto portiere imbattuto
  • -0,5 punti per ogni ammonizione
  • -1 punto per ogni gol subito dal portiere
  • -1 punto per ogni espulsione
  • -2 punti per ogni autogol
  • -3 punti per un rigore sbagliato

Il fantacalcio può essere giocato in due modi: a scontri diretti o a classifica.

Nella modalità a scontri diretti, alla fine di ogni giornata vengono assegnati 3 punti per la squadra vincitrice, 1 punto ad entrambi i giocatori in caso di pareggio e 0 punti in caso di sconfitta.

Nella modalità a classifica, che è quella classica, tutti i giocatori sono contro tutti e vince chi ottiene più punti alla fine del campionato.

I giornali e i siti web più seguiti per giocare al fantacalcio in Italia sono:

  • Fantacalcio.it
  • Fantapazz.com
  • Mondofantacalcio.com
  • Fantagazzetta
  • FantaMaster.it
  • Gazzetta dello Sport
  • Il Corriere dello Sport

Perché tante persone ci giocano?

Giocare al fantacalcio è entusiasmante, ma allo stesso tempo competitivo, perché simulare di essere allenatori della propria squadra è di gran lunga il sogno nel cassetto di tutti gli amanti del calcio.

Il fantacalcio è coinvolgente perché ogni giorno “costringe” ad essere sempre informati sui risultati delle partite che coinvolgono i propri giocatori e quelli avversari, sulle voci di calciomercato e di conseguenza su possibili nuovi acquisti per rinforzare la propria fantasquadra.

Il fantacalcio è tutto questo: un’insieme di emozioni per la propria passione condivisa con gli amici di una vita, con gli amici d’infanzia o anche con i propri colleghi di studio o lavoro.

Come dice il fondatore Riccardo Albini:

“Il fantacalcio è il gioco più bello al mondo, dopo il calcio”.

©RIPRODUZIONE RISERVATA

Il mondo dello sport ed in particolare del calcio rappresenta una delle mie due più grandi passioni, l’altra è per le lingue, l’economia e le relazioni internazionali che attualmente approfondisco nelle mia città, Venezia. Scrivo articoli inerenti alla realtà sportiva con spiccato interesse per il mondo calcistico, ponendo uno sguardo alla salute e al benessere sociale ed economico del nostro paese e dell’intera umanità.

Trending