Connect with us

Week News

Il Coraggio della Politica – Week News 040

Ci vuole coraggio per fare Politica, queste elezioni imminenti lo stanno dimostrando. I fatti e le riflessioni per l’ultima settimana di campagna elettorale.

Published

on

Buon lunedì amici,

Il Coraggio della Politica.
Si inizia l’ultima settimana di campagna elettorale, intensa e strana allo stesso tempo, perché il coraggio di fare Politica con il Covid19 è aumentato a livelli esponenziali.
Oltre le facce che ti giudicano perché prendi una posizione, ora c’è anche il rischio di non riuscire più a poter comunicare ed ascoltare le persone e i loro bisogni.
Il coraggio della politica non è uno slogan o un mero titolo, è l’idea che la Politica parta dal cuore, come così bene descritto dalla fantastica iniziativa per Ivan Scalfarotto, candidato presidente in Puglia, tenuta a Bari questo week end con Carlo Calenda e Matteo Renzi. (ecco link della diretta evento).

Qui, invece, una mia riflessione su Facebook sulla possibilità di unire il fronte liberal democratico e la ferita ad Ercolano per il nostro campo con la civica di Azione alleata alla civica dei 5 stelle e alla civica di Fratelli D’Italia nella coalizione anti Buonajuto.

La campagna elettorale continuerà fino al fotofinish: non è solo per le amministrative comunali e regionali, ma soprattutto per quella referendaria che vede negli ultimi giorni un aumento dei consensi per il “NO” al taglio lineare dei parlamentari.

Ecco alcuni spunti di riflessione da condividere insieme:
Referendum sul taglio dei Parlamentari. Con la vittoria del “SI” ci sarà un iter legislativo più snello, nonostante il bicameralismo perfetto e il numero maggiore di Commissioni per ogni singolo parlamentare ?
Interessante articolo di Maria Cristina Frosali in merito (clicca qui per leggere).

Lavoro e Futuro. Molto bella la testimonianza raccolta da Saverio Ricucci di una giovane imprenditrice che ha coniugato comunicazione digitale e turismo (clicca qui per leggere).

Chi mi conosce lo sa che sono sempre attento all’ambiente, ma non in senso astratto come per tanti anni anche una parte della sinistra ha impedito uno sviluppo infrastrutturale ed economico al paese ponendo veti su alcune opere e su alcune idee.
Alberto Lela ci racconta una storia molto interessante, perfino commovente di una Banca che grazie ai rifiuti crea un circolo economico capace di mandare i bambini di alcune famiglie in difficoltà a scuola. (clicca qui per leggere). 

E se i terrappiatisti e i negazionisti avessero ragione ? No, tranquilli, sto bene, ma l’ironico articolo di Gaia Grassini offre una visione cartesiana della vita, dove tutto, anche il paradosso può essere dimostrato. (clicca qui per leggere).

Dopo queste belle riflessioni, frutto del lavoro di questi giovani impegnati nel sociale e nella politica, c’è stato un avvenimento che mi ha fatto riflettere tanto.

Ma è davvero necessaria la legge Zan?


Si tratta del (presunto) omicidio avvenuto in quel di Caivano, con un fratello che avrebbe ucciso la sorella perché “infettata dallo stare con un transessuale”.
Siamo nel 2020, siamo in una periferia, e se tutti i problemi delle periferie del mondo e d’Italia la Politica pensa di risolverle con bonus, sussidi e non con cultura e lavoro questi sono i risultati.


Una storia tragica quella di Maria Paolo e del suo ragazzo Ciro, perché è la storia di un sogno spezzato.
Non basta una legge, che comunque ci dovrà essere sulla omotransfobia, bisogna cambiare, o meglio, entrare in alcune zone del nostro Paese e portare sviluppo culturale e lavoro che possano far emergere da uno stato di minorità sociale che colpisce tanti nostri connazionali e non solo.


Ho troppe volte ascoltato il refrain “torniamo nelle periferie”. Il problema non è tornarci, ma risolvere i problemi delle persone che in quelle zone ci abitano.
Iniziamo dal lavoro, passando per la scuola e le infrastrutture che creano senso dello Stato finendo con la cosa più banale a dire ma più importante: educare al culto della bellezza.
Chi vive nel brutto perché manca tutto in un quartiere, chi vive di sussidi e di espedienti non saprà mai davvero cosa è l’Amore e viverlo con chi ami al di là del suo genere.

Quando la scuola rimane un interrogativo

Oggi riaprono anche le scuole in molte regioni, il video messaggio del Presidente Conte è allo stesso tempo commovente, ma rischia di essere ipocrita, perché si poteva e si doveva fare meglio affinché un bambino lombardo non iniziasse oggi e un bambino campano dovrà aspettare tra 10 giorni, se tutto va bene.
Insomma, quando ad Aprile Matteo Renzi chiedeva un piano strutturato per il rientro nelle classi, gli attacchi ricevuti anche dagli stessi partner di maggioranza sono stati infruttuosi e ingenerosi vista la situazione attuale. 


L’Italia è davvero unita soltanto se non crea disparità tra i suoi cittadini più piccoli.
Come vi ho detto settimana scorsa, io sono d’accordo con la decisione del governatore della Campania De Luca che ha promosso l’acquisto dei termoscanner nelle scuole e che vuole fare di tutto per rendere l’andare a scuola non un’avventura.

-7 al voto

La campagna elettorale prosegue in tutte le regioni e comuni interessati al voto con l’intensità di sempre nonostante le norme anti Covid19.
Interessante vedere come, invece, sul quesito referendario pochissimi si spendano per spiegare le motivazioni del “SI” e del “NO”, creando una situazione paradossale che allontanerà tanti elettori dalla cabina elettorale in quei territori non interessati dal rinnovo dei consigli regionali e comunali.


Come sempre, io prendo una posizione e la dichiaro con fermezza, avrò però anche l’opportunità di confrontarmi e spiegare le ragioni del mio “NO”, questo mercoledì alle ore 19.30 a Palma Campania dagli amici di PALMA ETS, un’associazione giovanile molto attiva nel territorio palmese e del nolano, che mi farà discutere con uno stimato avvocato, militante del 5 Stelle.
Ecco qui il link della pagina dove faranno lo streaming dell’evento.
Seguiteci, in ogni caso vincerà la Politica che discute e si confronta sui temi.

Ad Ercolano, è la settimana decisiva prima delle votazioni.

Mercoledì sera alle ore 21 importante confronto promosso dal Forum dei Giovani di Ercolano tra i 4 candidati sindaco alle ore 21 in streaming per garantire a tutti di ascoltare le proposte per l’Ercolano del futuro.
Una bellissima iniziativa quella della comunità dei giovani del Forum, di cui orgogliosamente faccio parte sarà un momento molto importante per il Forum e per la città.

Impazzano gli appuntamenti per i candidati, inutile ricordare ai miei amici ercolanesi che il 20 e il 21 Settembre io sosterrò Italia Viva Ercolano con Stefano Buonincontro e Annalisa Marzigno per il Consiglio Comunale, mentre al Consiglio Regionale abbiamo l’opportunità di portare un ercolanese su quelle poltrone, per questo sempre con Italia Viva sosterrò Geremia Gaudino consigliando di affiancargli una giovane donna come Giada Filippetti che ha scommesso su Napoli creando impresa.

Accanto a loro, un grosso in bocca a lupo a Monica Ascione altra giovane candidata di Italia Viva Campania che merita tutto il nostro sostegno.


Non dateci ragione, dateci il vostro voto lo dico per la nostra lista di Italia Viva in Comune e in Regione! 

Comunque vada sarà un successo, in queste settimana abbiamo stretto amicizie e legami bellissimi con tante persone. Questo è il bello della campagna elettorale e della politica!

Dal 23 Settembre sapremo tutte le novità del nuovo contesto istituzionale di Ercolano e della Campania.

Come sempre io e voi, lavoreremo insieme per portare i giovani ad essere la nuova classe dirigente di questi nostri territori, e per questo che a Casalnuovo sostengo la mia amica Angela Raccioppoli con la sua sfida di riportare il centro sinistra al governo della sua città mettendo al centro la rete e la comunità connessa e non gli interessi dei soliti.

Avanti ragazze e ragazzi, ovunque faccio il tifo per voi!

Tazzina di caffè: sono giorni intensissimi, e faccio mea culpa che non riesco a leggere però ho trovato il tempo una di queste sere per poter vedere su Netflix un bellissimo film che parla di periferie, sport e riscatto sociale. Si chiama “La Partita”.

Un abbraccio,
Alfredo

Praticante Avvocato. 26 Anni. Vivo ad Ercolano (NA). Mi interesso di Politica e amo la Pallacanestro. Sono Consigliere del Forum dei Giovani di Ercolano, Coordinatore del Comitato Territoriale di Italia Viva Ercolano e Capo Allenatore per la Prima Divisione dello S.C. Ercolano. Mi piace scrivere di politica, cultura, sport e sono un grande tifoso del Napoli.

Trending