Connect with us

Ambiente

Gli incendi in California

A causa del riscaldamento globale in California si stanno verificando gli incendi più grandi mai registrati.

Published

on

Enormi incendi hanno bruciato finora ben tre milioni di acri, lasciando milioni di abitanti in mezzo ad una nube di aria tossica e causando continui blackout e ondate di calore. Queste sono solo alcune delle conseguenze dei terribili incendi californiani di quest’anno. Secondo gli scienziati il cambiamento climatico ne è il responsabile. Questa crisi nello stato più popoloso degli Stati Uniti è più di un semplice accumulo di singoli eventi. È un esempio di ciò che gli scienziati avevano previsto da tempo, ma che pochi si aspettavano di vedere così presto: un effetto a cascata, in cui una serie di disastri si sovrappongono, innescandosi e amplificandosi a vicenda.

Oltre alla California anche nello stato di Washington e nell’Oregon gli incendi hanno attaccato le città, portando al limite i vigili del fuoco locali. Un’estate torrida ha portato a condizioni di siccità mai sperimentate prima. L’aridità ha contribuito a rendere gli incendi della stagione i più grandi mai registrati. Quest’anno si sono verificati sei dei 20 più grandi incendi nella storia della California.

Se un decennio fa il cambiamento climatico era considerato come un evento un po’ astratto, oggi è percepito come un fenomeno fin troppo reale per i cittadini californiani. Gli incendi così caldi non solo fanno evacuare migliaia di persone dalle loro case, ma causano l’entrata di sostanze chimiche pericolose nell’acqua potabile. Il calore eccessivo e l’aria soffocante hanno poi minacciato la salute delle persone già a rischio a causa della pandemia di coronavirus. 

“Inviterei chi non crede al cambiamento climatico a venire in California”, ha detto il mese scorso il governatore Gavin Newsom. I climatologi affermano che il meccanismo alla base degli incendi è semplice: l’uomo, con la combustione di combustibili fossili come carbone e petrolio, rilascia i gas serra che aumentano le temperature, essiccando e bruciando le foreste. Dunque i potenti incendi di quest’anno sono frutto di decenni di cambiamenti climatici. Secondo il servizio forestale statunitense, una prolungata siccità terminata nel 2017 è stata una delle ragioni principali della morte di 163 milioni di alberi. Uno degli incendi più grandi di quest’anno ha devastato le foreste che avevano la più alta concentrazione di alberi morti, a sud del Parco nazionale di Yosemite.

“È davvero scioccante vedere il numero di incendi che bruciano simultaneamente”, ha detto Daniel Swain, climatologo presso l’Institute of the Environment and Sustainability dell’Università della California. “Ho parlato con molti esperti nelle ultime 48 ore e tutti sono senza parole. Certamente non c’è mai stato nulla di simile”. Gli incendi lasceranno di fronte alla California anche problematiche a lungo termine, dagli effetti dell’inalazione del fumo ai sistemi dell’acqua potabile danneggiati.

Il fumo degli incendi può anche rivelarsi fatale, specialmente per le persone anziane. Degli studi hanno dimostrato che in presenza di forti ondate di fumo, il tasso di ospedalizzazione aumenta e i pazienti manifestano problemi respiratori, infarti e ictus. “Più a lungo vivremo in quest’aria inquinata, più saremo preoccupati per gli effetti negativi sulla salute”, ha detto John Balmes, portavoce dell’American Lung Association e professore di medicina presso l’Università della California, a San Francisco.

Emily Szasz, una studentessa laureata in storia dell’arte a Santa Cruz, ha dichiarato di sentirsi spaesata. “Mi sento come se fossi in un posto che non ho mai visto prima”, ha detto. Nella mia vita ho visto molti incendi, ma non ricordo 23 giorni consecutivi di cieli arancioni, oppressivi e fumosi. Sono stata costretta a lasciare la mia casa con la paura di non tornarci mai più. Il cambiamento climatico è qui e sta cambiando le nostre vite. Ho solo 25 anni e non so quale futuro mi aspetti, per non parlare dei miei potenziali figli e nipoti“.

https://www.instagram.com/p/CE7qj5sBgYP/?igshid=1766aimpxup3m

Gli incendi avranno una profonda ricaduta anche sulla sfera economica, specialmente nell’area legata alle assicurazioni immobiliari. Nel settore assicurativo infatti anni di pesanti perdite hanno spinto le aziende a ritirarsi dalle aree a rischio. La mancanza di assicurazioni a prezzi accessibili minaccia di devastare i mercati immobiliari, rendendo le case meno preziose e più difficili da vendere.

Philip B. Duffy, climatologo e presidente del Woodwell Climate Research Center, ha detto che molte persone non hanno capito le dinamiche di un mondo che si avvia verso un progressivo riscaldamento. “La gente mi chiede sempre se questa è la nuova normalità. La risposta è no. Andrà sempre peggio”.

©RIPRODUZIONE RISERVATA

Nato nel 2001 in provincia di Monza, ho frequentato il Liceo Scientifico Banfi a Vimercate e ora studio Scienze Internazionali e Istituzioni Europee presso l'Università degli Studi di Milano. Con i miei articoli cerco di stimolare le persone a formare un proprio pensiero critico, così che sappiano muoversi nel caos del presente in modo sicuro e consapevole.

Continue Reading
Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Trending