Connect with us

Cittadini

L’incoscio della proiezione

Tu sei il mio specchio e io sono il tuo, ma prima che lo specchio diventi limpido mentre sono nel buio devo trovare l’interruttore giusto.

Published

on

“Se provate a indicare qualcuno tenendo la mano dritta davanti a voi, vi accorgerete che un dito è puntato verso l’altra persona ma tre sono rivolte verso voi: questo può servire a ricordarvi che quando denigriamo gli altri in realtà stiamo solo negando un aspetto di noi stessi”. La proiezione è un fenomeno molto interessante che ci porta alla scoperta della nostra essenza, avviene quando proiettiamo il nostro atteggiamento inconscio, su altre persone, questo ci porta alla convinzione che quei attributi appartengono agli altri e non a noi stessi. La mente utilizza ciò come meccanismo di difesa.

Il meccanismo di proiezione nasce quando l’attenzione del nostro ego viene richiamata da atteggiamenti di un’altra persona. Il nostro ego proietta sia qualità positive che negative. Quando proiettiamo le prime proviamo un’illusoria ammirazione. Il contrario quando proiettiamo quest’ultime, “che ci creano problemi”, sull’altra persona, la nostra mente ci fa credere che non ha nulla a che fare con noi, difendendosi dalla debolezza attraverso l’inconscio. Per esempio, se ho un problema con la mia ansia e cerco sempre di opprimerla sentenzierò che le altre persone sono ansiose. Negando a noi stessi le varie emozioni il solo modo di ritrovarle è osservandole negli altri.

Quando abbiamo aspetti irrisolti di noi stessi, è perché inconsciamente proviamo indignazione per un nostro comportamento. Questo è un meccanismo di autodifesa che ci porta a scappare dalla nostra parte più intima, che ci imbarazza… La consapevolezza impegna a vivere veramente. L’introspezione è un meccanismo molto importante che richiede una forte umiltà e saggezza. Dato che questo può portarci solo a una psicosi collettiva.

La proiezione psicologica, come diceva anche Jung, nel libro “l’uomo arcaico”:”E’ uno dei fenomeni più generali e abituali, che offendiamo moralmente in tono di profonda convinzione. Ciò che in lui combattiamo è di solito la nostra inferiorità.” La verità più scomoda della nostra mente è il nostro senso di inferiorità o per meglio dire insicurezza, che cerca di nascondere attraverso l’inconscio.

La vera armonia avverrà quando ameremo questo lato oscuro, lo abbracceremo. Dal buio viene sempre la luce, ma prima mentre siamo immersi nell’oscurità, dobbiamo trovare l’interruttore giusto, perché se accendiamo quello della mente siamo punto e a capo. Non è semplice se si è in più bendati dalla nostra mente analitica.

Dobbie Ford, nel libro: “Illumina il tuo oscuro”, sostiene che: “Non possiamo vedere noi stessi: dobbiamo avere un specchio per farlo, voi siete il mio specchio e io sono il vostro”. Ma questo specchio diventa sempre più chiaro se non ci nascondiamo dietro la paura della consapevolezza, altrimenti la mente oscura questo passaggio, perdendolo nel nostro inconscio. Non risolvendo più aspetti del nostro ego. In quanto la proiezione è un trasferimento inconscio non intenzionale (così lo definiva Jung), scavare affondo è molto difficile se come dicevo prima non c’è una profonda consapevolezza e umiltà. Abbandonare il nostro orgoglio è il primo passo.

Le proiezioni avvengono quando appunto non riusciamo a osservare aspetti di noi stessi in quanto scomodi, la tensione avviene quando l’ego va a contatto con tendenze inconsce, opposte a un atteggiamento cosciente, e le riconosce come proprie, senza poter propendere per l’una o l’altra perché le ritiene entrambe necessarie per sé.

©RIPRODUZIONE RISERVATA

Sono nata a Verona, il 7/10/2000. Ho sempre seguito il mio cuore, che mi ha portata a frequentare la facoltà di lettere.La vita mi ha messo davanti degli ostacoli, ma questo non mi ha di certo fermata a essere il cambiamento che voglio vedere nel mondo. Coltivo scrivendo la mia voglia di abbattere le mura di protezione, che le persone si creano per la paura di conoscere.

Continue Reading
Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Trending