Connect with us

Economia

Musk prendi tutto: Mezzo milione di Tesla entro fine 2020

Ieri un auto Tesla con a bordo un’astronauta fantoccio ha raggiunto Marte. Ma che ci fa un auto tesla nello spazio?

Published

on

Mentre SpaceX informava tramite un tweet che ieri, 8 ottobre 2020, l’auto Tesla con a bordo un’astronauta fantoccio ha raggiunto Marte( Nello specifico si è trovata alla minima distanza dal pianeta, a 0.05 unità astronomiche, ossia circa 5 milioni di miglia dopo un viaggio di 37 milioni di miglia, compreso il difficile attraversamento della pericolosa Fascia di Van Allen, un’area ad alta radiazione).

Il suo CEO Elon Musk ha rilasciato una dichiarazione( tramite mail ai suoi dipendenti..) circa la produzione delle sue auto: “raggiungeremo le 500 mila unità prodotte nel 2020”. Ottimi sono stati,infatti, i risultati raggiunti dall’azienda di Palo Alto nel terzo trimestre dell’anno quando ha prodotto 16.992 tra Model S e Model X e 128.044 tra Model 3 e Model Y, e ne ha consegnate, rispettivamente, 15.200 e 124.100.
Il precedente record, registrato nel quarto trimestre del 2019, era di 112.000 auto vendute.

A questi brillanti risultati ha fortemente contribuito l’andamento del mercato cinese, dove Tesla da quasi un anno ha avviato una grande Gigafactory, vicino a Shangai e da poco tempo, sempre in Cina, Tesla ha ulteriormente abbassato il prezzo base della Model 3 dell’8%.

Ora la promessa di infrangere i precedenti record, nonostante la pandemia da Coronavirus e lo spettro di un nuovo lockdown generalizzato. Secondo l’agenzia di stampa internazionale Reuters, la scorsa settimana, Tesla ha dichiarato che nel terzo trimestre sono stati consegnati 139.300 vetture, un record assoluto e ora Elon Musk dichiara di voler raggiungere il mezzo milione di consegne.

Ma come riuscirà Tesla a raggiungere questo obiettivo? 

Il modello Cina sembra essere il punto di riferimento per Musk: quindi via al taglio dei prezzi delle auto grazie ad una riduzione dei costi della produzione delle batterie. Musk più volte ha sostenuto di voler internalizzare la produzione delle celle visto che attualmente dipende da altre aziende per la fornitura, in particolare da Panasonic e altre aziende asiatiche. Così Musk ha annunciato che Tesla produrrà le proprie batterie.

A tal proposito Musk ha confermato che Tesla Model Y, costruito nella Gigafactory di Berlino in Germania, sarà la prima auto ad adottare le nuove celle per batterie 4680 con pacco batterie strutturale e fusioni monoblocco anteriori e posteriori.

Tesla prevede di avviare per la prima volta la produzione della Model Y presso Gigafactory di Berlino durante la seconda metà del 2021. Musk ha aggiunto che crede che ci vorranno circa due anni per vedere i primi esemplari di Model Y con le nuove batterie.

Del resto la nuova tecnologia  ha davvero bisogno di essere provata. È un cambiamento piuttosto radicale nel modo in cui vengono prodotte le auto. Non si tratta solo di produrre il sottoscocca posteriore e anteriore in singoli pezzi di fusione, ma si tratta anche di collegare questi due pezzi con il pacco batteria stesso invece che con un normale telaio in cui si installa il pacco batteria.

©RIPRODUZIONE RISERVATA

Nato a Melfi (PZ) il 18/09/1992 mi sono trasferito a 18 anni a Siena dove mi sono laureato in economia e commercio. Dopo aver ottenuto la triennale mi sono trasferito a Roma dove ho conseguito la laurea magistrale presso La Sapienza. Faccio supplenza in una scuola superiore e sono coordinatore politico. Hobby: calcio, basket e nuoto. Juventino doc.

Continue Reading
Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Trending