Connect with us

Cronaca

Semi lockdown?

E’ vero che il governo Conte non ha mai abbassato la guardia? Secondo voi è giusto dire no al Mes? Cosa si poteva fare durante l’estate?

Published

on

di Giorgio Caridà

Prendendo atto della realtà, le misure restrittive, guardando i dati e a prescindere da come siamo ripiombati in una situazione disastrosa, sono al momento l’unica via di uscita. Tuttavia l’affermare pubblicamente, come Conte ha fatto, che il governo non abbia mai abbassato la guardia, significa mentire.

Ciò che noi cittadini non riusciamo più a sopportare è la mancanza di pudore istituzionale, di collaborazione, di scelte ponderate assunte in nome del bene comune e non di giochi di potere. Basta pensare ai colori politici, basta con il tifo: si sbaglia tutti, e solo uniti si può migliorare. Dovevamo uscirne migliori e più uniti, invece non ne siamo usciti affatto e siamo spaccati. Pretendiamo verità sugli errori e i mesi di inerzia.

Tracciamento, Immuni, covid center, trasporti pubblici, terapie intensive, tamponi veloci per tutti. Quante promesse tradite. Vi sembra normale dire no al MES con i pronto soccorso DI NUOVO al collasso, in questo momento, per questioni ideologiche?

Prendetevi le vostre responsabilità: il sistema di tracciamento con i tamponi è in tilt, l’assistenza territoriale in affanno. Come sintetizzato bene da Michele Usuelli sul caso lombardo: “Male sui vaccini antinfluenzali, sbagliato il protocollo diagnostico nelle scuole, ultimi sui test rapidi, da terzo mondo il sistema con cui un medico deve cercare i posti letto per trasferire i pazienti quando il reparto è pieno, sbagliati i software con cui i medici di base prenotano i tamponi, completamente sotto organico il numero di operatori dedicati al tracciamento, da cambiare le regole per la quarantena degli operatori sanitari, una centrale acquisti dove nessuno firma più nulla. Non hanno imparato nulla, sono sei mesi che sembra il primo giorno.”

Avete abbassato la guardia, presidente Conte, perché già da luglio, ma ancora prima a maggio e a giugno, si sarebbe dovuto costruire un sistema di tracciamento nazionale massivo ed efficiente, in grado di reggere l’urto di una seconda ondata che era già prevista. Che il governo non abbia colpe, presidente, non si può sentire.

©RIPRODUZIONE RISERVATA

Trending