Connect with us

Economia

Musk supera Gates e punta Bezos

Elon Musk continua ad accumulare successi e ricchezze e con il suo patrimonio di 128 miliardi di dollari sorpassa Bill Gates e insegue Jeff Bezos.

Published

on

Elon Musk supera Bill Gates nella classifica delle persone più ricche del mondo stilata da Bloomberg: il CEO di Tesla è salito al secondo posto, con un patrimonio stimato di 128 miliardi di dollari, e insegue da lontano Jeff Bezos, che rimane stabilmente in testa con 182 miliardi di dollari. La scorsa settimana Musk aveva superato Mark Zuckerberg, che era al terzo posto e che ora è finito al quinto, dietro l’uomo d’affari francese Bernard Arnault.

Tesla, Space X ed il metodo Musk

A ben guardare, fanno notare i giornalisti e grandi conoscitori del personaggio, Paul Lienert, Norihiko Shirouzu ed Edward Taylor, il metodo che Musk applica per far crescere le proprie aziende è sempre lo stesso, che si parli di automobili, di razzi spaziali o di altre tecnologie: Avviare collaborazioni con partner all’avanguardia.

In questo modo si può sfruttare quanto di meglio presenti il mercato in termini di conoscenza, tecnologia, metodi di lavoro.Ma non solo partnership, anzi, non si contano le acquisizioni che negli anni gli hanno permesso di entrare in possesso di tecnologie d’eccellenza messe a punto da startup e compagnie più piccole. Negli anni, ad esempio, Grohmann, Perbix, Riviera, Compass, Hibar System sono entrate nell’universo Tesla. Così come SilLion e Maxwell, comprata di recente per le competenze in materia di batterie.

In passato però ci sono state anche collaborazioni finite male. Come quelle con Mobileye o Nvidia. Con entrambe Musk aveva avviato una partnership per lo sviluppo di tecnologie inerenti l’Autopilot, ma culminarono entrambe nell’incidente del 2016 in cui una Tesla Model S non analizzò correttamente la situazione e non frenò andando a finire contro un camion.

Tutto ciò gli ha permesso una scalata molto rapida, se si considera che all’inizio del 2020 era trentacinquesimo in classifica, e che da allora ha accresciuto il suo patrimonio di 100 miliardi di dollari. Questa scalata è stata resa possibile soprattutto da Tesla, che attualmente vale 500 miliardi di dollari (un aumento notevole, se si considera che aveva iniziato l’anno a meno di 100 miliardi).

Secondo The Guardian, Tesla ha la capitalizzazione di mercato più alta di qualsiasi altra azienda automobilistica al mondo, pur producendo molti meno veicoli. Si pensi che quest’anno, l’azienda, prevede di produrre 500.000 auto mentre ad esempio Toyota ne produrrà 10 milioni. Dunque una bella spinta è derivata a Musk da questo settore, dato che tre quarti del suo patrimonio netto è costituito da azioni Tesla.

Musk inoltre è fondatore e proprietario della SpaceX, una società aerospaziale con l’obiettivo di aumentare l’affidabilità e di ridurre i costi dei lanci verso lo spazio e l’utopia di sviluppare tecnologie capaci di colonizzare e rendere possibile la presenza umana su Marte. La SpaceX è la prima società aerospaziale privata e recentemente ha registrato un ottimo successo lanciando 4 astronauti nella stazione spaziale internazionale a bordo della navicella Crew Dragon.

Bill Gates è rimasto in cima alla classifica del miliardari di Bloomberg fino a pochi anni fa, quando nel 2017 il suo posto è stato preso da Jeff Bezos. Il dato però va letto con attenzione: come fa notare Bloomberg, Gates probabilmente avrebbe un patrimonio molto più alto se non avesse dato così tanto in beneficenza, tra cui i 27 miliardi di dollari che ha elargito tramite la Bill & Melinda Gates Foundation a partire dal 2006, a riprova che non conta solo quanto si ha ma anche come lo si spende.

©RIPRODUZIONE RISERVATA

Nato a Melfi (PZ) il 18/09/1992 mi sono trasferito a 18 anni a Siena dove mi sono laureato in economia e commercio. Dopo aver ottenuto la triennale mi sono trasferito a Roma dove ho conseguito la laurea magistrale presso La Sapienza. Faccio supplenza in una scuola superiore e sono coordinatore politico. Hobby: calcio, basket e nuoto. Juventino doc.

Trending