Connect with us

Cultura

Il mondo del futuro: 2119. La disfatta dei sapiens

Questa settimana vi parliamo dell’ultima fatica letteraria di Sabina Guzzanti ovvero di “2119. La disfatta dei Sapiens” edito HarperCollins. Il libro, ci parla di un possibile futuro abbastanza preoccupante…

Published

on

Sabina Guzzanti è un’imitatrice, comica, cabarettista, attrice, autrice e conduttrice televisiva, regista italiana. Quest’anno è diventata anche narratrice con la pubblicazione di un graziosissimo romanzo, quasi profetico, dal titolo “2119. La disfatta dei Sapiens” edito HarperCollins Italia. Abbiamo letto per voi questo piacevole romanzo che siamo pronti a recensire.

Il futuro che ci attende

Vi siete mai chiesti cosa ne sarà della Terra fra un centinaio di anni? Come vivranno gli esseri umani? Scompariranno i nostri Stati? Ci sarà ancora internet? Le macchine saranno in grado di volare? Beh, se siete curiosi vi consiglio di leggere questo libro che mischia sapientemente l’immaginazione alla realtà. Siamo nel 2119 in un mondo completamente cambiato dalle catastrofi ambientali che hanno completamente sommerso porzioni di territorio. L’Europa è un vago ricordo e il Nord America è in buona parte scomparso a causa dall’innalzamento del livello dell’acqua. 

La Terra è popolata da superstiti che si sono dovuti adattare ad una realtà governata da un regime ingiusto ispirato al feudalesimo. All’interno della società sopravvissuta troviamo, da una parte ultramiliardari onnipotenti che hanno in mano il potere necessario per decidere le sorti dell’umanità. Dall’altra parte, tre miliardi di migranti ambientali raggruppati in porzioni di territorio ancora non sommerso dalle acque.

La popolazione è parzialmente controllata da dispositivi sottocutanei che dominano le loro emozioni e azioni. Solamente i giornalisti coraggiosi di Holly, hanno l’intraprendenza necessaria per salvare l’umanità da un possibile controllo totale del web sull’autonomia di pensiero, giudizio e azione delle persone.

Dentro il libro…

Hackers, haters, ingegneri, algoritmi e giornalisti sono i grandi protagonisti di questo racconto quasi profetico. Il mondo è completamente pervaso dal web e dai social network. Quest’ultimo attraverso like, cuori e coroncine, dispensa dopamina che distrugge i neuroni delle persone portandole ad un esaurimento traumatico. Alq è l’intelligenza artificiale creata dall’uomo. Ma così facendo, quest’ultimo si trasforma quasi in un robot insensibile, dal momento che ogni sua emozione viene annientata da un apparecchio sottocutaneo.

I poveri sopravvissuti non possono votare dal momento che la democrazia è diventata un pezzo di antiquariato.

I politici svolgono questo incarico a rotazione con la possibilità, però, di disconnettere il dispositivo che controlla le loro vite. Per i giornalisti di Holly, e per tutti coloro che sono contrari a tale controllo artificiale, la missione principale è cercare di salvare l’umanità da un controllo totale dei cervelli. Il nemico è un potente algoritmo che è in grado di cancellare per sempre il libero arbitrio controllato dagli azionisti del Consorzio.

L’intrepida giornalista con la passione per i gatti

Come ogni romanzo che si rispetti, anche qui abbiamo un eroina: Tess, l’intrepida giornalista che si occupa di gatti. Ed è proprio grazie ad una sua geniale intuizione che il mondo potrà sperare di riacquistare la sua perduta libertà.

I giornalisti di Holly, il presidente Brez e due hacker si rifugiano nell’isola di Flutur, completamente impenetrabile al controllo informatico.  Nel progettare un piano di liberazione, dovranno affrontare una serie di peripezie e agguati organizzati dagli azionisti del Consorzio. Il tutto in nome di un ritorno al passato, ossia  all’uomo governato da vere emozioni.

Riusciranno gli intrepidi eroi del futuro a riportare il mondo alla purezza della natura e a liberarsi dai freddi e troppo controllati robot? Lo scoprirete solo immergendovi in questo mondo distopico immaginato e descritto dalla geniale penna di Sabina Guzzanti. 

©RIPRODUZIONE RISERVATA

Sono una ragazza sarda che ama la cultura, la politica e la corretta informazione. Mi sono laureata nella triennale di scienze politiche dell’amministrazione presso l’Ateneo di Sassari (SS), attualmente frequento la specialistica in Politiche Pubbliche e Governance sempre presso l’Ateneo di Sassari (SS). Il mio obiettivo è darvi le informazioni il più corrette possibili e unire a questa tecnicità informativa un pò di emozioni suscitate da racconti che rispecchiano la nostra realtà.

Trending