Connect with us

Cittadini

La sicurezza sul lavoro non va dimenticata!

La sicurezza sul lavoro è un diritto fondamentale che va tutelato ad ogni costo, vediamo i dati dell’Inail dell’ultimo anno.

Published

on

In questi ultimi giorni le notizie riguardanti gli incidenti sul lavoro sono state tantissime. Ci troviamo davanti ad un problema che dobbiamo assolutamente prendere in considerazione. A sostegno dell’affermazione qui sopra, vediamo qualche dato.

I dati dell’Inail


Secondo i dati presentati dall’INAIL, in soli tre mesi le morti sul lavoro ammontano a 185, è un numero terrificante decisamente terrificante, tutto questo nel primo trimestre del 2021 tra gennaio e marzo. Un arco temporale decisamente breve. Sicuramente la pandemia ha rallentato leggermente questi spiacevolissimi eventi, ma dobbiamo fare di più.

Il caso di Luana D’Orazio


Il caso di Luana D’Orazio, di Oste di Montemurlo (Prato) madre e lavoratrice ventiduenne che ha perso la vita sul posto di lavoro, dev’essere il punto dal quale partire per riflettere. La titolare dell’azienda e l’affetto alla manutenzione dell’orditoio dove lavorava la donna, sono indagati oltre che per omicidio colposo, anche per il reato di “rimozione o omissione dolosa di cautele contro gli infortuni sul lavoro”.

Essere indagati non significa essere colpevoli certamente, ma la sicurezza sul lavoro è fondamentale.
Il lavoro è certamente un diritto, ma anche la sicurezza di poter svolgere la propria professione in sicurezza dovrebbe esserlo.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Sono nata a Brescia il 1 gennaio 1998 e studio Economia Aziendale presso l’Università degli Studi di Bergamo. Ho una una forte passione per la politica e l’attualità la quale mi ha permesso di partecipare alla conduzione di una trasmissione radio e di creare il podcast “Pensa Liberamente” assieme allo staff della Politica del Popolo (insomma, avrete capito che parlo molto). Una delle mie sfide più importanti è quella di stimolare i giovani a ragionare e non permettere a nessuno di farlo per loro.

Continue Reading
Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Trending