Connect with us
Invasione Ucraina - Donbas Frontliner/ Andriy Dubchak Invasione Ucraina - Donbas Frontliner/ Andriy Dubchak

Mondo

Il racconto di una guerra nel cuore dell’Europa: 7/03/2022 – niente di buono all’orizzonte

Dodicesimo giorno di guerra e non sembra esserci alcuna soluzione all’orizzonte: dalle dichiarazioni di Draghi alla lista dei “nemici della Russia.”

Published

on

Dodicesimo giorno di guerra: tra poco saranno due settimane esatte dall’inizio dell’invasione dell’Ucraina e la situazione invece di migliorare diventa di ora in ora sempre più catastrofica e drammatica. Mentre le forze militari del Cremlino circondano la capitale e, a tal proposito, sono 13 i morti per un attacco a un panificio nell’area di Makariv a ovest di Kiev, fuggire diventa sempre più complicato.

La famiglia che ieri è stata uccisa a colpi di mortaio mentre cercava di fuggire da Irpin purtroppo non è la prima e non sarà neanche l’ultima considerando le città violentante e sventrate da bombardamenti di un’intensità sempre maggiore. Nel frattempo si è arrivati anche al terzo round di colloqui dove il Cremlino ha garantito l’apertura dei corridoi umanitari che, come denuncia Kiev, “vanno verso Russia e Bielorussia” e ha promesso anche la “fine istantanea” delle ostilità se l’Ucraina accetterà le sue condizioni.

Zelensky e l’uccisione del sindaco di Gostomel

Il Presidente Zelensky, nelle ultime ore, ha chiesto nuovamente una No-fly zone sull’Ucraina, richiesta destinata a rimanere inascoltata, e ha ribadito come:“Stiamo combattendo una guerra che non abbiamo mai voluto, siamo costretti a uccidere” ripetendo ormai il suo consueto messaggio conclusivo per augurare “gloria all’Ucraina”.

Nel frattempo sul fronte ucraino è stato ucciso il sindaco di Gostomel, Yuri Illici Prylypko mentre cercava di soccorrere i feriti e distribuire cibo. “È morto da eroe, conserveremo di lui memoria e gratitudine eterna” scrive l’amministrazione cittadina in un post su Facebook.

Mario Draghi e la lista dei “nemici della Russia”

Il premier Draghi dopo l’incontro con la Presidente della Commissione europea, Ursula Von Der Leyen, ha ribadito che:“L’Unione europea ha dato prova di straordinaria unità: siamo uniti nel condannare con forza l’invasione dell’Ucraina da parte della Russia e nel rispondere all’appello del presidente Zelensky che ci ha chiesto aiuti finanziari, umanitari e militari”.

Se da un lato si è mosso anche il Presidente americano Biden che ha programmato un colloquio con MacronScholz Johnson, dall’altro il segretario di Stato, Antony Blinken, ha confermato che la Nato è pronta ad affrontare ogni genere di minaccia. Proprio quest’ultima ha anche attivato per la prima volta la Responce Force sul fianco orientale dell’alleanza e dopo l’autorizzazione di questa mattina del premier ungherese Victor Orban, nella parte occidentale dell’Ungheria arriverà l’ennesimo contingente.

In risposta Mosca ha stilato l’elenco dei Paesi considerati “nemici della Russia” e tra questi compaiono tutte le nazioni, dall’Italia agli Stati Uniti passando persino per Andorra e San Marino, che hanno adottato delle sanzioni nei confronti del governo di Putin.

La guerra virtuale

Da Kiev il vice primo ministro Mikhalio Fedorov spinge le aziende big tech, ovvero i grandi gruppi come Facebook, Amazon, Google, Apple, a interrompere ogni legame con la Russia e a boicottare ogni business con Mosca. Un’azione che viene portata avanti grazie al suo personale esercito di hacker “IT Army”: sempre più aziende, da Samsung a Nvidia, rompono i propri rapporti con l’economia russa.

Dall’altro lato Anonymus sta continuando la sua guerra cybernetica contro la Russia: diversi i canali televisivi manomessi, da Rossya 24 a Moscow 24, passando da Channel One a due servizi streaming. Anonymous fa sapere, tra l’altro, che durante le azioni di boicottaggio sono state trasmesse sulle reti russe immagini della guerra in corso a Kiev e nelle altre città ucraine.

©RIPRODUZIONE RISERVATA

Direttore e fondatore del sito, scrivo per dare voce a chi non la può fare arrivare lontano. Viaggio ma di confini non ne ho mai visto uno, credo che esistano solamente nella mente di alcune persone.

Continue Reading
Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Trending